nicola.bia@tiscali.it

IN COSA CONSISTE LA TRAP?

La Fleboterapia rigenerativa è una metodica ideata dal Dr. Sergio Capurro per il trattamento delle insufficienze venose croniche degli arti inferiori. Lo scopo fondamentale di questa terapia non è quello di chiudere ed eliminare i vasi alla vista, bensì di contrastare l’ipertensione venosa causa fondamentale della loro dilatazione. Questo effetto viene ottenuto tramite l’introduzione endovenosa di una sostanza sclerosante (sodio salicilato) che attraverso la sua bassa concentrazione (6%) induce un rinforzo della parete venosa tale da aumentare il tono parietale e contrastare così la dilatazione della vena dovuta alla ipertensione venosa.  La T.R.A.P. è un tipo di trattamento assolutamente conservativo del circolo venoso poiché non prevede l’eliminazione chimica (scleroterapia tradizionale), fisica (Laser) o chirurgica (flebectomie) dei vasi coinvolti nell’insufficienza venosa cronica, bensì il loro ripristino funzionale che avviene irrobustendo la parete dei vasi stessi.


QUALI SONO LE INDICAZIONI PER LA TRAP?

La terapia è indicata per il trattamento dell’insufficienza venosa cronica in tutti i suoi gradi di alterazione estetica ed in tutta la gamma dei sintomi ad essa correlati. L’azione tridimensionale del farmaco fa si che la sua azione di rinforzo sulle pareti vasali riduca la stasi venosa e aumenti la velocità del circolo eliminando innanzitutto senso di pesantezza agli arti inferiori, gonfiore e crampi notturni fin dalle prime sedute. Il miglioramento dell’aspetto estetico sarà ugualmente visibile su tutti i gradi dell’insufficienza venosa cronica, dai piccoli capillari fino alle varici più voluminose.


PERCHÉ SI INIETTANO TUTTI I VASI VISIBILI AD OCCHIO NUDO E CON LA TRANSILLUMINAZIONE?

Le metodiche tradizionali non possono agire su tutto il circolo superficiale e perforante, perché non è possibile obliterare od asportare tutti i vasi; al contrario è possibile rinforzare la loro parete e farla restringere se è dilatata. Quando una vena perforante è incontinente prima o dopo si manifesta visivamente in superficie, perché provoca la dilatazione dei vasi superficiali ad essa collegati. La dilatazione può essere visibile ad occhio nudo e dare luogo ad una varice, può essere visibile solo con la transilluminazione, oppure può manifestarsi come una minuscola teleangectasia. Se consideriamo che la patologia venosa è dovuta alla debolezza del circolo perforante, l’iniezione di tutti i vasi diviene vantaggiosa perché curando la più vasta area possibile di superficie endoteliale è in grado di curare tutto il circolo perforante (che prima o dopo si manifesta in superficie) e consente di ottenere un risultato permanente nel tempo.


E’ UNA TECNICA DOLOROSA?

No, l’introduzione dell’ago è praticamente indolore e la soluzione può, in alcuni punti, indurre un leggero e momentaneo bruciore.

 

COSA VIENE INIETTATO ESATTAMENTE NELLE VENE?

Il farmaco utilizzato è il sodio salicilato che viene iniettato in una quantità pari a 12 ml per seduta e ad una concentrazione del 6%. Si tratta di una sostanza con un’ottima tollerabilità e praticamente priva di effetti collaterali. Prima di essere somministrato il sodio salicilato viene ulteriormente diluito con una piccola quantità di anestetico (lidocaina cloridrato) e del glicerolo al 10%. Pertanto il volume complessivo di liquido somministrato in una seduta di fleboterapia è di circa 24 ml.

 

COM’È L’ASPETTO DELLE GAMBE AL TERMINE DELLA SEDUTA?

Il trattamento è sistematico, vengono iniettate tutte le vene visibili partendo dalla caviglia fino alla coscia e procedendo per zone. Solitamente si inizia dalla regione mediale per passare poi alla posteriore e infine alla regione laterale. Per l’iniezione si utilizza un sottile ago da mesoterapia praticamente indolore. Immediatamente dopo il trattamento possono essere presenti piccole ecchimosi e qualche piccolo gonfiore dovuto al trauma dell’ago ma che troveranno una rapida risoluzione in qualche giorno.

 

QUANTE SEDUTE SONO NECESSARIE PER OTTENERE UN BUON RISULTATO?

Il numero delle sedute dipende ovviamente dalla gravità del quadro. Si tratta di una terapia che determina un rinforzo generale del circolo venoso e che richiede pertanto più sedute. Un numero medio può essere considerato di 10 sedute per arto.


QUANTO TEMPO DEVE TRASCORRERE TRA UNA SEDUTA E L’ALTRA?

In ogni seduta si trattano aree diverse e la cadenza può essere settimanale, ma l’intervallo può essere gestito liberamente. L’importante è che si lavori su un arto per volta. Si continuerà quindi a lavorare sulla stessa gamba in ogni seduta e solo al raggiungimento del risultato si passerà alla gamba controlaterale. Lo scopo di questa condotta è di ridurre nel minor tempo possibile l’ipertensione venosa dell’arto che si sta trattando in modo da non rallentare il rinforzo del tono parietale.

 

QUALI NORME BISOGNA SEGUIRE TRA UNA SEDUTA E L’ALTRA?

Dopo ogni seduta l’arto inferiore viene bendato con una benda coesiva che va tenuta per 3 giorni. Nei giorni successivi sarà invece sufficiente indossare un gambaletto medicale di I o II classe. Per tutta la durata del trattamento viene prescritta l’assunzione di un farmaco fitoterapico ad azione flebo tonica a cui può essere associata della cardioaspirina se esiste una tendenza familiare a sviluppare flebiti. Una volta concluso il trattamento è consigliabile continuare ad indossare le calze elastiche per 4-5 mesi.

 

ESISTONO CONTROINDICAZIONI ALL’ESECUZIONE DI QUESTA TERAPIA?

Le controindicazioni all’utilizzo di questo tipo di terapia sono quelle generiche di qualsiasi altra scleroterapia: gravi patologie autoimmuni, patologie tumorali, insufficienze epatiche o renali gravi, allergie note al farmaco, stato gravidico.

 

QUANTO DURA L’EFFETTO DI QUESTA TECNICA?

L’effetto della terapia dura nel tempo. Esiste una variabilità individuale per cui è possibile che nel corso degli anni possa rendersi necessaria qualche seduta di richiamo per mantenere il circolo venoso rinforzato nella sua struttura parietale e pervio. Le manifestazioni estetiche e funzionali dell’insufficienza venosa cronica vanno trattate agendo sulla causa fondamentale che le determina, ovvero sulla elevata pressione venosa che si genera all’interno dei vasi. L’elevata pressione venosa si genera nel momento in cui l’insufficienza delle vene perforanti incontinenti fa si che il sangue, sottoposto alla spinta delle pompe muscolari, refluisca verso la superficie anziché seguire la via del circolo profondo. Sulle pareti del vaso dilatato, il sangue esercita una forza chiamata spinta idrostatica descritta da Pascal nel famoso esperimento della botte. Si tratta di una forza perpendicolare alle pareti venose e tanto maggiore quanto più aumenta il diametro del vaso stesso.

 

Il sodio salicilato introdotto nella fleboterapia agisce determinando:

• Un rinforzo delle pareti venose
• Un restringimento del lume vasale
• Un ripristino della funzione valvolare

 

Queste azioni vanno quindi a ridurre la spinta idrostatica agendo sul meccanismo fondamentale dell’insufficienza venosa cronica. Il concetto basilare della Fleboterapia Rigenerativa Tridimensionale Ambulatoriale è quello di agire sulle pareti venose in senso, appunto, tridimensionale. Il farmaco iniettato diffonde e svolge la sua azione non solo su tutto il circolo superficiale, ma anche nelle vene perforanti, che costituiscono il collegamento fondamentale tra le vene superficiali e quelle profonde rappresentando la via di fuga fondamentale del sangue verso la superficie.

 

Se desideri maggiori informazioni sul trattamento di medicina estetica di fleboterapia rigenerativa (TRAP) a Brescia puoi richiedere un appuntamento attraverso la pagina contatti del sito oppure telefonando direttamente al Dott. Nicola Bianchi con studio di medicina estetica a Brescia, oppure presso lo studio di Desenzano del Garda (BS) in Via Adua, 1 – Cap. 25015.