nicola.bia@tiscali.it

COS'E' L'ADIPOFILLING® (FILLER CON GRASSO AUTOLOGO)

L'adipofilling®, disponibile a Desenzano del Garda provicia di Brescia presso lo studio del Dott. Bianchi, è anche definito come filler di grasso autologo ed è una tecnica di prelievo ed impianto di tessuto adiposo autologo che permette di ottenere un ringiovanimento della cute ed una nuova volumetria del viso o di altre parti corporee. I campi di applicazione del filler con grasso arricchito con cellule stromali, tuttavia, sono molteplici e tutt’ora in via di sviluppo quali ad es: il miglioramento delle cicatrici e delle smagliature, la ricrescita dei capelli e il trattamento delle patologie degenerative delle cartilagini articolari.

CAMPI DI APPLICAZIONE DELL' ADIPOFILLING®

L'adipofilling® (filler con grasso autologo) è un trattamento che trova impiego in diversi settori della medicina. In particolare, in ambito estetico il tessuto adiposo presenta un particolare interesse grazie a due componenti cellulari fondamentali in esso contenute: gli adipociti e le cellule stromali.

Per comprendere il significato particolare che assumono queste due popolazioni cellulari, è necessario premettere che l’invecchiamento del viso è determinato fondamentalmente da una perdita di volume dei tessuti che sostengono la cute e da una marcata riduzione della sua elasticità.

L’utilizzo di cellule adipose serve a far fronte al primo problema, trattandosi dell’impianto di un tessuto che con il passare degli anni tende a ridursi fortemente, privando la cute del suo sostegno fondamentale. Lo stesso grasso viene utilizzato, quindi, come un filler autologo che va a sostituire materiali di uso corrente come l’acido ialuronico.

La presenza di cellule stromali risulta invece fondamentale per contrastare il processo di invecchiamento cutaneo. In questa eterogenea popolazione sono infatti contenute numerose cellule staminali, ossia cellule che grazie al loro grado di indifferenziazione, sono ancora capaci di trasformarsi in cellule diverse a seconda del tipo di tessuto in cui vengono poste.

Pertanto oltre ad impiantare il nostro tessuto a livello profondo con la finalità di utilizzare le voluminose cellule adipose come sostegno sottocutaneo, potremo anche posizionare il grasso autologo a livello dermico con lo scopo di stimolare e rivitalizzare la pelle inducendo una differenziazione cellulare verso i fibroblasti che sono considerate le cellule essenziali del tessuto connettivo per la sintesi di collagene ed elastina (due componenti chiave per il mantenimento della salute cutanea).

IL TRATTAMENTO DI ADIPOFILLING®

Il trattamendo di adipofilling® o filler con grasso autologo prevede inizialmente un prelievo di tessuto adiposo da alcune zone abbastanza tipiche di accumulo localizzato, quali:

  • Fianchi
  • Addome
  • Regione trocanterica
  • Interno ginocchia

Questa operazione viene eseguita aspirando il grasso con cannule di pochi millimetri di diametro attraverso una siringa o un aspiratore. L’area del prelievo viene preventivamente infiltrata con una soluzione anestetica che rende il passaggio delle cannule di aspirazione indolore. Il tessuto adiposo prelevato va successivamente lavato dal suo contenuto di anestetico e da eventuali tracce ematiche.

Poiché il materiale ottenuto con la lipoaspirazione è un grasso lobulare, è importante, per ottenere un buon attecchimento dell’impianto nel sottocute e nello spessore dermico, trasformare il lipoaspirato in una sospensione cellulare di adipociti e cellule stromali.

Questo obiettivo viene raggiunto attraverso la frammentazione del grasso eseguita con l’Adipopimer® (Korpo srl, Genova), uno strumento che produce la giusta granulosità del tessuto aspirato, senza creare danneggiamento cellulare e consentendo così il suo adeguato attecchimento.

La procedura di frammentazione dura pochi secondi attraverso questo strumento monouso che sfrutta i principi della granulometria per ottenere, dal lipoaspirato lobulare, una sospensione di piccoli gruppi cellulari o di singole cellule viventi che possono essere iniettate come un filler. Ridurre il volume dei lobuli adiposi consente di poter iniettare, senza rischi, elevati volumi e di poter distribuire le cellule nel tessuto sottocutaneo in più strati.

Il nostro primo obiettivo è comunque l’assenza di effetti collaterali, l’assenza di indurimenti, di granulomi, di necrosi e di calcificazioni. Questo obiettivo è particolarmente importante quando si opera sul volto.

Per ottenere un materiale ancora più concentrato e ricco in cellule staminali si può procedere ad una centrifugazione del tessuto adiposo, necessaria per prelevare le cellule che più ci interessano, stratificate in un’area particolare del centrifugato. Dopo la centrifugazione si potrà infatti osservare una precisa distribuzione dei vari tipi cellulari all’interno della siringa. Più in basso si disporrà il sottile strato stromale, che contiene in piccole quantità le cellule staminali, subito al di sopra gli adipociti più pesanti, e nello strato più superficiale i frammenti cellulari e lo strato di olio che risulta sempre estremamente sottile.

Svolta questa operazione non resta che procedere con l'innesto di grasso nell’area dove si è deciso di operare, tipicamente il viso. La tecnica di impianto dell' adipofilling® è analoga a quella di un qualsiasi filler e viene effettuata utilizzando sottili aghi o piccole cannule.

Sarà quindi possibile migliorare:

  • La volumetria delle labbra
  • La proiezione degli zigomi
  • L’atrofia della regione temporale e delle guancie
  • L’appiattimento della regione frontale
  • La riduzione delle rughe naso-labiali
  • L’invecchiamento cutaneo della regione periorale e perioculare
  • Le fini rugosità dovute all’elastosi cutanea

 

L' ADIPOFILLING® E’ UN INTERVENTO DOLOROSO?

Il trattamento di adipofilling® o filler con grasso autologo non è doloroso. La parte più fastidiosa è quella della lipoaspirazione che viene però eseguita su di un’area accuratamente anestetizzata con lidocaina e adrenalina tale da ridurne al minimo la percezione dolorosa.



COM’E’ L’ASPETTO DEL VISO NEI GIORNI SUCCESSIVI AL FILLER CON GRASSO?

Successivamente ad un trattamento di adipofilling® (filler con grasso autologo), l'area trattata può presentare un certo grado di gonfiore e qualche piccolo ematoma che può rendere difficoltosa la ripresa del lavoro per due o tre giorni. Viene prescritta pertanto una adeguata copertura antibiotica ed al bisogno (raro) uso di antidolorifici.


IL RISULTATO DELL'ADIPOFILLING® E' PERMANENTE?

Il risultato di un trattamento di adipofilling® (filler di grasso autologo) non è permanente. Il tessuto adiposo è un materiale naturale e pertanto sottoposto ad un certo grado di riassorbimento e pertanto sarà necessario procedere nuovamente all'innesto di grasso nell’arco di sei mesi - un anno. Tuttavia le cellule adipose presenti dopo due mesi sono permanenti. In ogni impianto quindi una certa quota di cellule adipose sopravvivono determinando nel tempo un risultato stabile dal punto di vista volumetrico. La rivitalizzazione del viso con grasso autologo è da considerarsi come una vera e propria terapia rigenerante per la cute e quindi da ripetersi nel tempo. Naturalmente se il paziente ingrassa anche le cellule innestate aumentano di volume, se dimagrisce i volumi diminuiscono. Dopo l’ adipofilling® è necessario che il paziente si alimenti correttamente senza fare diete.

Se desideri maggiori informazioni sul trattamento di adipofilling® (filler con grasso autologo) a Brescia puoi richiedere un appuntamento attraverso la pagina contatti del sito oppure telefonando direttamente al Dott. Nicola Bianchi con studio di medicina estetica a Desenzano del Garda (Brescia) in Via Adua, 1 – Cap. 25015.